Baffo del mese: Febbraio 2018

Senzanome

Si vota per Nino Frassica, Pippo Patavina e Awanagana, tre baffi storici della scena artistica nazionale

L’elettorato di BaffiaBuffo ha da poco eletto Marco Columbro campione baffuto di Marzo. L’ex conduttore di Paperissima, oggi alle prese con gli ufo, è stato capace di mettere a tappeto nella pelosa contesa due mustacchi del calibro di Amadeus e Umberto Smaila. Anche il mese di febbraio attende di eleggere il suo irsuto paladino e questa volta il tris di setolose personalità che si contenderanno la lanuginosa corona rappresenta diversi campi artistici: televisione, teatro e radio.

Nino Frassica
Di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia dai tempi di Indietro Tutta ma ancora oggi con la rubrica Novella Bella ospitata su Che Tempo che fa Nino Frassica continua a regalare momenti di pura comicità ai suoi fan anche per merito dei suoi spassosi baffetti…
Sul finire degli anni ’80, in quella fortunata parentesi temporale che fece rifiorire il sopito culto dei baffi, fu fiero alfiere televisivo della fioritura subnasale.
Da spalla di Renzo Arbore, seppe incantare la platea televisiva nazionale con il suo spesso e scuro baffone di matrice sicula. La sua geniale comicità – vivace, nonsense ma mai volgare – e la sua caratteristica figura aristocratica e caricaturale al contempo – un mix tra un ambulante di Bagheria e un vecchio barone alla Gattopardo, con qualche sentore di Magna Grecia – hanno fatto e continuano a far breccia nel cuore degli italiani sebbene nel tempo, lo stile del suo vicino del naso è cambiato trasformandosi in un fino – e forse tinto – fiammifero (il tempo passa per tutti). Uno dei pochi personaggi che, nonostante le crociate antitricotiche degli ultimi anni, è rimasto fedele al suo stile e che parte senz’altro favorito in questa sfida del baffo del mese.
nino-frassicaPippo Pattavina
Nel palcoscenico teatrale nazionale è senz’altro uno dei baffi più rappresentativi. Anche lui come Frassica attraverso l’estetica del baffo trasmette la più pura tradizione della Trinacria e come pochi ha saputo mantenere nel tempo il suo spesso tappeto sopralabiale, autentico pugno nell’occhio dei cultori della lametta. Recentemente si è sentito parlare nuovamente di lui per una disputa artistica con Michele Placido e il suo mustazzo fa spesso capolino nella fortunata serie ad episodi de “Il commissario Montalbano” dove interpreta il ruolo dell’anziano preside Burgio.
4fdc28740bbff32b7edf039cb63234bd947Awanagana
Come Antonio Costantini lo conoscono in pochi, sono invece tanti – soprattutto la generazione degli anti – a ricordare e ad apprezzare tutt’oggi AwanaGana e soprattutto il suo stilosissimo baffo beat.
Il suo passato da disc-jockey lo mise presto al servizio delle emittenti radiofoniche nazionali ma anche lui, come gli altri concorrenti in gara, ha avuto modo di far apprezzare i suoi barbigi di stampo veneziano alla platea nazionale grazie alle sue apparizioni televisive (sul finire degli anni ’70 fu ospite fisso di Domenica In, condusse anche un Rally Canoro in Rai). Attualmente i suoi barbigi carezzano i microfoni di Radio Torino dove conduce una trasmissione, mentre nel 2014 – forse grazie al suo irsuto profilo da speziale medievale – è diventato ambasciatore del V.E.O.S.P.S.S. – Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis, il nuovo Ordine dei Templari.
a_9c2ce97206

Potrebbero interessarti anche

2 Commenti

  1. Solo un radical chic che depone il suo voto colpendo prima un manico di scopa coi baffi, plurilaureato, quindi, doppia a distanza con una miracolata di palazzo, poteva capire che l”estratto da me inviato fosse un semplice copia incolla interruptus…….. resto sempre più sbalordito delle vagonate di scienza infusa che spandi su di noi umili frequentatori del blog. Ora è chiaro a tutti che appartenete ad una razza superiore, tu e l”altro razzista di lungo corso nopolpot, specialista nel tirare il sasso e nascondere dalla sua postazione privilegiata: la fogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *