Un blog baffuto, ce n’era davvero bisogno?

Baffi boh

Una nuova impresa è spesso sinonimo di problemi e complicazioni. A volte tuttavia, con un po’ di fortuna, i propri sforzi, associati all’inventiva e all’aiuto di amici e di persone più o meno vicine pronte a colmare le proprie lacune, possono dare i loro frutti purchè vengano sempre valutate attentamente le proprie risorse, i tempi di realizzazione, i costi, gli scopi e gli obbiettivi da realizzare. Perchè dunque aprire un blog sui baffi?
Baffi boh
Inanzitutto bisogna specificare che l’autore di questo post è l’ideatore di baffiabuffo e per ticchio da oggi in poi si firmerà come Presidente, titolo che tuttavia non certo modestamente il sottoscritto ha avuto il piacere di assegnarsi alcuni anni fa quando, insieme ad altri sodali baffuti, indisse la prima cena coi baffi (evento catartico che ci riserviamo di approfondire profusamente con voi in seguito). Da tempo il vostro beneamato Presidente ha dunque sviluppato un interesse quasi morboso per quest’estensione pelosa che sin dalla pubertà inizia a fare la sua apparizione sopra al labbro superiore. Proprio nell’ultimo periodo però, questa insana passione lo ha portato ad approfondire ulteriormente la questione e, attraverso la lettura di decine di pubblicazioni sull’argomento (in italiano e altre lingue) e l’eviscerazione maniacale del web baffuto, è a suo modo diventato un esperto del settore e ha così deciso di creare questo blog. Il Presidente inoltre è fermamente convinto che in questi tempi di dittatura metrosexual, in cui si tende a fare sempre più confusione tra maschi e femmine, cani e cagne, dubbi ortaggi, parrucconi e ragni, diventi un dovere quasi morale, difendere, conservare, proteggere e perchè no, diffondere la cultura del baffo, senz’altro emblema dell’uomo nella sua accezione di genere, con tutto il rispetto per le donne baffute che, come insegna la saggezza popolare, non sono mai da disdegnare…

L’intenzione sarebbe dunque quella di divulgare questo piccolo e irsuto bagaglio di conoscenza anche se, almeno secondo le idee del presidente, la parola baffi è spesso anche sinonimo di cazzeggio e questioni buffe in generale (da questa convinzione nasce l’intitolazione del blog) ed è anche per questo che presto su questo indirizzo pioveranno secchi di squisita monnezza (i meno preparati sul dialetto romano tradurranno con immondizia), l’oro del web, di cui vanno letteralmente ghiotti i più smaliziati NERDinternauti. In questa fase embrionale, abbiamo deciso di dividere il sito in poche semplici sezioni. Nel menu oltre all’Home troverete:

  1. Baffi dal mondo: Una rubrica con storie baffute dal globo terracqueo che spero venga presto alimentata da foto e racconti di altri italici sodali baffuti che nella diaspora imposta dalle vicissitudini della vita hanno abbandonato i confini patrii.
  2. Baffipedia o vobaffolario: Enciclopedia e dizionario baffuto.
  3. Baffo del mese: Pescato dalla spazzatura televisiva e dal web verrà eletto mensilmente un re baffuto tramite sondaggio degli utenti (al momento il presidente deve ancora capire come montare il tutto e aspetta riscontri da esperti mustacciuti)
  4. Pelo e contropelo: Una rubrica con recensioni di prodotti baffuti: rasoi, cere, pettini, spazzole ma anche libri e oggettistica varia.
  5. Sbaffa che ti passa: Racconti, poesie e riflessioni bukowskiane tra birre, liquori, scazzottate e puttane insieme ad una raccolta di foto di serate baffute dei sodali del baffo all over the world.
  6. Storie di ordinaria barbieria: Rubrica dedicata alle Nostre e alle vostre esperienze di tonsura, giudizi su barbieri e negozi specializzati in prodotti da toeletta (da creare un apposito baffometro per valutazioni)

Si vorrebbe aggiungere:

  1. Uno spazio dedicato alla condivisione di baffi intitolato Rate my Moustache nella quale sarà possibile votare il volto baffuto dell’anno
  2. C’era una volta il baffo: raccolta di foto antiche dei vostri avi dai secoli coi baffi per eleggere il mostacchio più nostalgico di sempre.
  3. Saranno baffuti: Rubrica dedicata alla modifica di foto di celebri e amatissimi glabri che con i baffi potrebbero entrare di diritto nel cuore di ogni amante dei baffi e della nostra hall of fame baffuta (nella speranza che col tempo si venga a creare un movimento di pressione che costringa noti personaggi dello spettacolo ad onorare come si deve i barbigi).

In questo periodo di gestazione, il vostro amato Presidente vi chiede di pubblicare sotto dei commenti con qualche idea o suggerimento per lo sviluppo del portale e del movimento in generale e vi prega, soltanto per il momento, di non diffondere il verbo baffuto contenuto nelle righe precedenti nell’attesa che il sito venga ulteriormente sviluppato e acquisti la sua giusta dignità. Con l’occasione vi mandiamo un caloroso saluto baffuto. W i baffi.

©Copyright
Tutti i diritti sono riservati.

Potrebbero interessarti anche

4 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *